Pubblicato in: Poesia

Nisciunu bastimento s’è affunnato quanno ce’ ‘e miso a buordo ‘a Verità.

13879384_10210158573391041_5386368037137336898_nE tengo na fenesta a pianterreno,
c’affaccia int’ a na strafa scanusciuta;
cu n’aria profumata, e na veduta,
ca si t’affacce, nun t’ ‘a scuorde cchiù.

Si stongo ‘e buonumore, affacci’ a mmare,
e veco semp’ ‘o stesso bastimento
ca parte chin’ ‘e fede e sentimento,
e c’ ‘a bandiera d’ ‘a sincerità.

Parte ciuro, e nun arriva maje.
Quanno s’abbìa, sabbìa c’ ‘o maistrale;
ma ncòccia sempre ‘o stesso tempurale,
‘o stesso maletiempo, e adda turnà!

Quanno senza speranza, e senz’ammore
m’affaccio e vec’ ‘o stesso bastimento,
nce mengo dinto ‘o core mio scuntento,
e c’ ‘o mare ntempesta dico: Va.

Quann’è bontiempo, ognuno è marenaro
e se vulesse mettere a temmone…
C’ ‘o mare ncalma, tutte songo buone
‘e purtà nu vapore a passià.

Miéttece a buord’ ‘o bene ch’ ‘e vuluto,
e tutt’ ‘o chianto amaro ch’è custato…
Nisciunu bastimento s’è affunnato
quanno ce’ ‘e miso a buordo ‘a Verità.

Edoardo De Filippo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...