Pubblicato in: Cinema

Gli ultimi giorni di Pompei

gli-ultimi-giorni-d-pompei-epubAgli inizi del novecento il cinema scopre Pompei.

Il romano storico “Gli  ultimi giorni di Pompei di Edward Bulwer-Lytton si presta a bene a una trasposizione cinematografica, così nel 1908 Arturo Ambrosio e Luigi Maggi traducono nel nuovo linguaggio cinematografico la storia d’amore tra Glauco e Jone e la distruzione della città di Pompei in seguito alla terribile eruzione del Vesuvio, così come raccontate nel romanzo di Bulwer-Lytton.

Il film si distingue per gli effetti speciali, sorprendenti per l’epoca.

Seguono, negli anni, altre trasposizioni cinematografiche del romanzo: una prima viene diretta da Mario Caserini ed Eleuterio Rodolfi nel 1913, una seconda da Carmine Gallone e Amleto Palermi nel 1926. Entrambe colpiscono per gli effetti speciali all’avanguardia per l’epoca, con cui vengono rappresentati l’eruzione del Vesuvio, il crollo della città, la fuga di pompeiani.

In particolare la trasposizione del 1913 di Gallone e Palermi si distingue per il rigore filologico con cui viene realizzata la ricostruzione dell’ambientazione e delle scene nella città di Pompei, divenendo un cult del cinema muto.

Versioni successive della trasposizione cinematografica de “Gli ultimi giorni di Pompei” non si fanno notare per rigore filologico o originalità narrativa.

Tra queste ultime versioni quella del 1948 diretta da Paolo Moffa e quella del 1959 che segna l’esordio di Sergio Leone alla regia. 

Salva

Salva

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...